- PERCORSI E ATTIVITA' PER TUTTI - Anno pastorale 2017 - 2018 - Clicca qui per il depliant

 10 Comandamenti - (Le Dieci Parole) - Ritiro 27-29 ott 2017

Questo ritiro segna la conclusione del 1° ciclo di catechesi sulle Dieci Parole, i 10 Comandamenti, che don Valentino ha predicato per un anno intero ogni martedi.

Gli ultimi due Comandamenti sul "desiderio" sono stati gli argomenti trattati. Infine una retrospettiva su tutto il corso e su quanto si farà nel futuro per non perdere quanto acquisito con costanza.

"Apri gli occhi" è l'incontro mensile proposto per tutte le persone che hanno finito questa esperienza.

Una nuovo corso sulle "Dieci Parole" è cominciato il 7 novembre 2017 con nuovi partecipanti, per un percorso di guarigione interiore e per far pace con se stessi. (Paolo)

     

     

Formazione per i Leader responsabili dei servizi parrocchiali - settembre 2017

Prima dai affrontare gli impegni del nuovo anno pastorale 2017/18, don Valentino ha voluto tenere per loro tre incontri di formazione per la gestione dei gruppi e per la crescita personale.

Il 1° l'ha tenuto personalmente ed ha affrontato il tema "Che tipo di Leader sei" facendo analizzare ad ognuno come i comportamenti da adolescenti hanno influito sulle responsabilità del ruolo ricoperto nell'età adulta.

Nel 2° incontro si è avvalso della collaborazione di uno psicologo, Raffaello, che ha fatto riflettere sulla conoscenza di sé e la bellezza della capacità di aiutare gli altri a farlo. Si è avvalso anche di una dinamica di gruppo con un caso pratico suggerito da un leader.

Il 3° incontro è stato tenuto dallo psicologo Alessandro, analizzando i comportamenti nei conflitti di coppia o di gruppi e suggerendo le modalità per evitarli e risolverli.

Anche i bambini hanno lavorato a modo loro, aiutati da animatrici, a sviluppare il tema dei conflitti con scritte e disegni che hanno poi mostrato ai genitori e all'assemblea a fine incontro.         (Paolo) 

    

    

10 Comandamenti - (Le Dieci Parole) - Ritiro 25-26 feb 2017

Dal mese di ottobre 2016 sono iniziate le catechesi sulle Dieci Parole, i 10 Comandamenti, che don Valentino predica ogni martedi della settimana a circa 350 persone, con una presenza costante nel tempo.

Il percorso delle «Dieci Parole>> sembra possedere la forza dirompente di una proposta in grado di rinnovare sul serio il proprio personale rapporto con Dio, ripartendo da quelle dieci leggi consegnate a Mosè sul monte Sinai e  che a volte un po’ troppo sbrigativamente abbiamo ridotto a dieci comandi a cui limitarsi ad ubbidire.

Inventato una ventina d’anni fa a Roma da don Fabio Rosini, nel tempo è diventato una proposta per gli adulti, desiderosi di riannodare i fili col proprio percorso di fede, magari abbandonato da anni o ridotto ad una pratica settimanale senza più addentellati con l’esistenza concreta di ognuno.

Si tratta di un percorso affascinante intorno ai dieci comandamenti, riletti nell’ottica giusta, quella cioè di doni, strumenti donati all’uomo perché egli arrivi alla piena libertà, la libertà di figlio di un Padre che è amore, che vuole solo il meglio per il suo figlio, una vita in pienezza.

Accanto agli incontri settimanali, il percorso prevede anche dei ritiri intensivi. Il più recente è quello sul 4° comandamento "Onora il padre e la madre" tenuto nel teatro della Parrocchia della Madonna del Rosario nei giorni 25 e 26 febbraio 2017.

E' stato un ritiro molto intenso e partecipato, 300 persone circa, che ha permesso di ripercorre il proprio rapporto con i genitori, le ferite e i doni da loro ricevuti, per iniziare un percorso di guarigione interiore e far pace con se stessi.

Gli incontri proseguiranno ancora per i prossimi mesi.                             Paolo

  
 

Nuovo splendore per la chiesa (dicembre 2016)

Sabato 17 dicembre 2016 nella nostra Parrocchia sono stati sostituiti i vecchi faretti laterali con faretti a led. È stato un intervento che ho fortemente voluto sia per un risparmio energetico, ma anche per dare alla Chiesa una luminosità migliore, non solo più potente, ma anche più armoniosa. E così qualche settimana fa Roberto (Mazzocchetti) aveva montato due faretti a led ai lati dell'altare per provare se andavano bene. Quando Don Valentino vide l'altare illuminato in quel modo nuovo ci chiese se si poteva illuminare così tutta la Chiesa, perché gli piacque molto. Allora Io e Roberto ci mettemmo subito in moto per trovare altri 13 faretti a led del colore giusto e soprattutto, da economo, al prezzo giusto e li ordinammo. Appena ci furono consegnati, Roberto si procurò un castello perché non era sicuro usare una scala a quella altezza. Quando fu tutto combinato il Signore ci donò Andrea (Riccetti) per aiutare Roberto a montarli. E così in poco più di una mattinata Roberto e Andrea con una piccola partecipazione di Alvaro e mia hanno fatto diventare la Chiesa molto più luminosa facendola anche diventare più economica nei consumi.
                                                 Augusto
 
   Don Venanzio Dell'Aquila vice parroco a S. Gabriele dell'Add.- 23 ott 2016

 La comunità parrocchiale ha accolto con gioia don Venanzio che da parroco in una parrocchia del teramano ha accettato con grande umiltà a fare da vice al nostro parroco don Valentino.  Lo Spirito Santo, attraverso Mons. Valentinetti , ce lo ha donato per cooperare all'opera di evangelizzazione che tutta la parrocchia sta portando avanti  e alla pastorale ordinaria. Grazie don Venanzio e benvenuto tra noi! 

    

 

 Missione per il Giubileo della Misericordia dal 9 al 14 maggio 2016

I missionari laici hanno portato ad ogni famiglia della parrocchia un portachiavi benedetto e un depliant che spiega in sintesi  in cosa consiste il Giubileo e le opere da compiere per viverlo a pieno. Quasi tutti hanno accolto l'invito a pregare o ascoltare una parola del Vangelo. Contemporaneamente in chiesa un gruppo di volontari ha fatto adorazione eucaristica  pregando  per la buona riuscita della missione.
La settimana si è conclusa con i pellegrinaggio a piedi per la Porta Santa della Cattedrale di S. Cetteo a Pescara  per lucrare le indulgenze. Tutta la missione è stato un passaggio forte del Signore.                                                     Paolo

    

    


Via Crucis della Misericordia - Domenica delle Palme 20-3-2016

In questo anno, dedicato alla Misericordia, la Via Crucis parrocchiale, è iniziata proprio nella Cittadella della Carità di via Alento, dove c'è una delle Porte Sante, attraverso la quale si lucrano le indulgenze.

Altre due tappe hanno riguardato una delle opere di Misericordia corporali: visitare i carcerati. Non essendo possibile farlo fisicamente all'interno della struttura, le preghiere e le voci dei canti sono arrivate lo stesso a quanti soffrono per la detenzione, sostando su un lato e poi all'ingresso del Carcere.

Durante il tragitto, percorrendo varie strade fino alla chiesa, molti ammalati che non sono potuti venire alla processione, hanno potuto pregare e partecipare dalle finestre e dai balconi.                                                                                             Paolo

     
    
 

Un fiore per Maria - Veglia di preghiera 7-12-2015 ore 20

Questa veglia mariana che precede la festa dell'Immacolata Concezione di Maria è stata caratterizzata dalla preghiera di intercessione rivolta a quattro categorie di persone a noi vicine.

1 - Genitori: a cui va il nostro amore e il nostro perdono per eventuali ferite che ci portiamo dietro causate da loro volontariamente o senza rendersene conto.

2 - Parenti: a cui va in nostro affetto e di cui conosciamo i bisogni.
3 - Coppie in crisi: in cui il rapporto sta deteriorandosi lentamente e le cui rotture causano problemi a se stessi, ai figli e ai familiari
4 - Malati: che soffrono nel cuore e nell'anima

Solo Dio può aiutarci a superare i momenti bui e la madre di Gesù, può intercedere per noi con potenza.

Ogni momento è stato scandito dalla lettura di un brano di Vangelo dove è protagonista Maria, da una preghiera generale, dalle preghiere spontanee dei presenti e con la recita di una decina del rosario.

Le quattro fasi, intervallate da canti, si sono concluse con un gesto molto bello: col portare processionalmente alla statua di Maria un fiore come ringraziamento per quanto ha fatto e fa per ciascuno di noi.                                                                          Paolo

                                
    
 
 Ritiro Responsabili dei vari servizi parrocchiali 9 settembre 2015.
Anche quest'anno in una tre giorni, 9 - 16 - 23 settembre, don Valentino ha voluto che per prima i vari responsabili si formassero per essere i trascinatori, i leader, dei gruppi di cui sono responsabili. In questo primo incontro ci ha fatto riflettere sulla figura del Leader e del Manager e sui pregi e difetti di entrambe le figure. Nelle condivisioni si sono messi a confronto i comportamenti che ognuno tiene e la possibilità di migliorarsi dopo un attento lavoro sulla propria persona. Negli incontri che seguiranno  vedremo altri aspetti dell'argomento.    (Paolo)
 
     
    
 
RIFACIMENTO TETTO CASA CANONICA - MAGGIO 2015
Cari amici Parrocchiani,
la copertura dei locali dove i nostri bambini fanno catechismo e dove i nostri giovani fanno incontri con altri giovani, formazione e preghiera, è quasi terminata! Come si vede dalle foto abbiamo fatto qualcosa in più rispetto al progetto iniziale che prevedeva solo la semplice ricopertura del terrazzo con della guaina, seppure della migliore qualità.
Abbiamo fatto un piccolo massetto che ci ha permesso di dare una lieve pendenza dal centro verso i lati, in modo che l'acqua non ristagni mai, ma scivoli sempre e dolcemente verso i canali di scolo. Questi ultimi sono stati potenziati nel numero del 50% per far si che anche nei caso delle così dette bombe d'acqua facciano defluire l'acqua fino a terra senza bagnare i muri laterali. Mancano ancora le scorsaline laterali in metallo che conterranno i cornicioni e faciliteranno le manutenzioni a posteriori.
Certo queste piccole, ma opportune, modifiche hanno fatto lievitare il costo dell'opera.... Ma il Signore non ci farà mancare la possibilità di onorare gli impegni presi con i nostri fornitori e quindi ci affidiamo a Lui ora come nel momento in cui il Consiglio degli Affari Economici decise di far fare l'opera, tra l'altro non più differibile.
Ringraziamo tutti coloro che, molto generosamente, hanno donato qualcosa di proprio, magari rinunciando ad altro e ci diamo appuntamento a quando il tetto sarà definitivamente completato.
                           Don Valentino è il Consiglio degli Affari Economici.
 
     
 
Incontro di formazione e preghiera per i Responsabili delle attività parrocchiali 1-febbraio 2015

In questa prima domenica di febbraio 2015, don Valentino ha tenuto una meditazione sulla Evangelii  Gaudium di Papa Francesco a tutti i responsabili delle attività parrocchiali. 
"L’essere cristiano nasce dall’incontro con la  Persona di Gesù.  Da questo incontro edall’amore ricevuto nasce il desiderio di trasmetterlo agli altri, di evangelizzare, proprio come si ha desiderio di parlare della persona amata agli altri.
L’invito è quello di chiedere a Lui che torni ad affascinarci, a scuotere il nostro cuore freddo e la nostra vita tiepida e superficiale."
In piccoli gruppi hanno condiviso, alla luce  di questa meditazione, il proprio stato personale di fede.  Il tutto è stato trasformato in preghiera recitata davanti al Santissimo, esposto per l’Adorazione.
Un momento toccante il ringraziamento di don Valentino, singolarmente ad ognuno, con la consegna di un "Grazie" in formato cartolina e con la motivazione dell'impegno portato avanti in parrocchia.  Tra gli impegni futuri di evangelizzazione, ha preannunciato la missione popolare parrocchiale nel prossimo mese di maggio, con la collaborazione di tutti i laici di buona volontà.
                                                                                                                  Paolo
    
    
 
 
2 dicembre 2014 - Corso per giovani: "Itinerario di formazione all'amore" 
Il 2 dicembre 2014, nella parrocchia, si é svolto il primo di altri incontri sul corso "itinerario di formazione all'amore". Il tema di questo incontro era sulla comunicazione; ci sono state delle spiegazioni e degli esempi su come comunichiamo i nostri pensieri e su come noi riusciamo a capire il vero messaggio che l'altra persona ci vuole mandare; Abbiamo anche visto dei casi che potrebbero accadere nel quotidiano ed essere in grado di risolverlo immedesimandosi nei vari protagonisti di ogni caso esposto all'incontro; È stato un bell'incontro, ogni volta c'è sempre qualcosa da migliorare nella vita di tutti i giorni ed è anche un modo di mettersi in gioco per accrescere la propria personalità e conoscere i propri limiti così da poterli superare.
                                           Sarah
    
 
 
 30/11/2014 - Rito dell' ammissione al catecumenato per tre adulti
La nostra comunità parrocchiale ha vissuto un momento di grande spiritualità e di commozione per tre nostri fratelli che hanno iniziato il cammino che li porterà a ricevere il sacramento battesimo durante la messa vespertina.
Sono tre adulti, Alessandra, Daniele e Bounmy. Quest'ultimo ha scelto per il battesimo il nome di Francesco in onore del nostro grande Papa.
Il loro cammino iniziato lo scorso anno terminerà nella notte di Pasqua del 2016 quando riceveranno dall'Arcivescovo i sacramenti del Battesimo, della Cresima e dell'Eucaristia.
Il rito è stato toccante dopo che pubblicamente interrogati da don Valentino hanno chiesto alla Chiesa la fede che dona la vita eterna ed hanno dichiarato di essere pronti a seguire Cristo.
Molto belli i segni di croce, fatti dal celebrante, sulla fronte, sugli orecchi, sugli occhi, sulla bocca, sul petto e sulle spalle per essere pronti con tutti i sensi a camminare nella luce di Cristo. La gioia letta nei loro occhi ha veramente commosso tutti.
   
Ritiro comunitario parrocchiale dal 18 al 22 agosto 2014
Nella struttura Casa Gioiosa, immersa nel verde nel Comune di Montemonaco (AP), circa 100 parrocchiani trascorrono un  momento di vacanza e di spiritualità. E' un'esterienza bellissima che cementa le relazioni tra tutti i villeggianti e aiuta a crescere spiritualmente, sotto la guida attenta di don Valentino e del suo staff.
     
 Testimonianza  

Ecco la mia risposta a chi mi chiede perche trascorrere 5 giorni delle mie ferie in una struttura dove mancano quei comforts che generalmente troverei in qualsiasi villaggio.

 5 gg senza telefono, whatsapp, facebook e tv, non perche qualcuno mi abbia obbligato ma semplicemente perche non c'era linea. Oggi comincia ad essere difficile trovare un posto in cui gli operatori telefonici non arrivano, ma Don Valentino ci é riuscito! Ed il primo grazie devo dirlo per questo.

 Isolarmi dagli strumenti di cui sono vittima ha contribuito a farmi riscoprire il gusto delle cose semplici a partire dallo stare insieme alle persone non "virtualmente" ma fisicamente.  Non é stata la mia prima esperienza comunitaria, ma é stata la prima dopo circa 5 anni  con i miei due bambini Filippo ed Elisabetta di  9 e 7 anni.  É stato bellissimo per loro e per me.

 Siamo partiti senza sapere chi avremmo trovato anche con il rischio che non ci sarebbero stati bimbi, ed invece ne abbiamo trovati tanti ... tanti bimbi con cui sono riusciti a socializzare apprezzando il contesto naturale che ci ha ospitato in compagnia dei ragazzi dell'animazione che hanno offerto il loro servizio egregiamente e amorevolmente.

 Personalmente il campo l'ho trovato bello ,divertente, edificante ed illuminante: é stato Bello e divertente ritrovare e tornare a trascorrere del tempo con quei fratelli che non avevo più avuto l'opportunità di frequentare ;  é stato edificante avere la conferma che la comunione con gli altri non dipende da quanto tempo li conosci, e me ne accorgo ogni volta che mi ritrovo a condividere le mie emozioni e a raccontare le mie esperienze di vita a delle persone appena conosciute, con fiducia reciproca , in una condizione di liberta, senza giudizio e pregiudizio; illuminante ascoltare la Parola che attraverso le catechesi del Don si attualizza nella mia vita, anche questa volta in essa ho trovato le risposte alle mie domande, e ho capito quanto il Signore sia presente nella mia vita , come riesce a parlarmi attraverso la vita degli altri e a sciogliere tutte le mie resistenze, anche quando mi oppongo con tutta la mia razionalità. 

La bellezza dello stare insieme non nasce dalla semplice voglia di compagnia e divertimento ma dal fatto che  c'é  la certezza, consapevole o inconsapevole, di un fattor comune che si chiama Gesú  e questi per me sono gli effetti dello stare insieme nel Suo nome! Sono tornata a casa ricaricata dalla preghiera, nutrita dalla Parola, arricchita dall'esperienza comunitaria e sempre piú innamorata di LUI. Grazie a tutti  coloro che lo hanno reso possibile!

 
PROCESSIONE 13 LUGLIO 2014
    
    
11-.12-13 luglio 2014 FESTA DI SAN GABRIELE
Con grande partecipazione si è svolta la festa del nostro Patrono animata da tantissimi volontari dotati di maglietta con la scritta "Gesù ti ama...(davanti) SEMPRE (retro)". Non è mancata qualche goccia di pioggia che però non ha scoraggiato nessuno! Lodiamo il Signore che ci dà la grazia di farci vivere questo momento di comunità, di amicizia e di altruismo!
     
      
     
      
Siate creativi...
questo è l'incitamento di Don Valentino ai suoi collaboratori, riuniti a Giulianova domenica 22 settembre 2013,  per un ritiro spirituale per l'inizio del nuovo anno pastorale.
Don Valentino ha presentato la figura del responsabile che può avere due atteggiamenti, prendendo esempio da due rapaci: 
1- Avvoltoio. L'avvoltoio  aspetta che altri animali uccidano le prede e poi si presentano. Siamo avvoltoi quando facciamo fare il lavoro agli altri,  quando facciamo solo le cose che ci vengono dette e non cerchiamo nuove strade.
2-  Aquila.  L'aquila cerca la preda, la individua e l'attacca. Siamo Aquila quando conoscendo l'obiettivo, lo analizziamo e facciamo di tutto per raggiungerlo con creatività e innovazione. 
Il cuore è creativo. L'amore è creativo. 
Inoltre, il responsabile può essere: 
1 - liberista: permette agli altri di fare quello che "sentono"; in questo caso le persone non crescono.
2 - rigorista: fedele alla legge, rigido nell'applicarla; rischia di veder andar via una persona dopo l'altra per il rigore con cui conduce il gruppo. 
3 -  amicale: vuol essere amico delle persone a lui affidate; corri il rischio di rimanere deluso.
4 - inadeguato: si sente inadeguato nel ruolo che ha; è una sensazione che facilmente si trasmette alle persone a lui affidate. In questo caso il suo punto fermo deve essere la "chiamata" di Gesù a questo compito!
5 - mammone: è colui che ha l'atteggiamento del buon samaritano. Carica gli altri di lavori, ma se non li fanno dice "lo faccio io" e si carica di tutti i problemi fino a scoppiare.
6 - misericordioso: è colui che responsabilizza e dà spazio agli altri e alla loro creatività.
Don Valentino ha poi fatto una carrellata di tutte le attività che già si svolgono in parrocchia e quelle nuove previste quest' anno.
    
     
 
Ritiro parrocchiale dal 20 al 24 agosto 2013 a Cagnano (Ascoli Piceno)
Ho partecipato con la mia famiglia al ritiro parrocchiale e "pensare che non volevo andarci"! Questa è la frase che ripeto alla fine di ogni esperienza.  Questa volta, però, mi sento di urlare queste parole perché è stata una bellissima “esperienza comunitaria” che ha arricchito me e la mia famiglia sia dal punto di vista spirituale che relazionale.
I momenti di spiritualità mi hanno aiutato ad uscire dalla routine quotidiana,  a fermarmi e fare silenzio dentro di me per ascoltare la voce del Signore che ha sempre molto da dirmi e mi sorprende sempre
Lo “stare” con il cuore in compagnia di altre persone e condividere con loro la quotidianità mi ha dato la spinta di rivedere la mia vita sotto lo sguardo compassionevole di Colui che mi ha plasmato e il coraggio di entrare dentro le delusioni , le amarezze e i dubbi che mi porto dentro e uscirne rinnovata, accolta e amata
I molti momenti di svago e di gioco sono stati il mezzo per conoscere molte persone che incrociavo in parrocchia e alle quali rivolgevo solo un saluto veloce. Da domani quel “Salve!” avrà un sapere nuovo:  quello della fraternità, della condivisione e della conoscenza  in Cristo. Oggi, dopo più di 4 anni che frequento la Parrocchia di San Gabriele, sento di essere parte di questa Comunità!
Claudia 
    
    
 
Gita a Parigi dall'11 al 18 Agosto 2013
       
Festa di San Gabriele 12 - 14 luglio 2013
La festa appena conclusa ha visto crescere l'impegno dei tanti volontari che si sono prodigati per la sua buona riuscita. Sono state tre serate che hanno concesso una pausa al solito tran tran quotidiano ai numerosissimi partecipanti ai vari momenti programmati.  Segue una breve galleria di foto (per ingrandie premere sulla foto)  
 
    
   
    
    
 
 Messe all'aperto - Maggio 2013
Papa Francesco nella Veglia di Pentecoste a Roma ha esortato ad aprire le porte delle chiese e del nostro cuore per permettere a Gesù di uscire, di andare verso gli altri, verso le periferie, dove è più difficile incontrarlo. La nostra parrocchia l'ha fatto, ha portato Gesù nelle strade del quartiere con la celebrazione della Messa all'aperto. Due le tappe già fatte: piazza dell'Incontro e via Cesano. Ne rimangono ancora due, in via Adige e in piazza Mons. Italo Febo, nelle prossime settimane. E' questo un modo di vivere il mese di maggio dedicato a Maria, la mamma di Gesù, e portare Gesù tra la gente.
     
 
      
 
SABATO SANTO 2013 -  ore 17
Per i ragazzi Gesù è risorto in anticipo. Alle 17 di Sabato Santo un vociare gioioso di bambini ha invaso la chiesa. Accompagnati dai genitori hanno vissuto l'esperienza della risurrezione sapientemente spiegata da don Valentino. La liturgia ridotta all'essenziale, adattata all'età dei piccoli,  ha consentito di vivere momenti molto forti e significativi. Seguono alcune riflessioni di mamme. 
“Lasciate che i bambini vengano a me”
La veglia di Pasqua a portata di bambino, la prima volta per me come madre.
Un insieme di piccoli doni del Signore ai piedi del suo altare. 
Sull’altare, però, Lui non c’era, ma con le sembianze del suo servo, Don Valentino,  era in mezzo a loro.
Nessun trono, nessun pulpito, ma uomo tra gli uomini…i più piccoli, i più indifesi.
Il primo segno: la Luce.
Dal buio profondo della chiesa tanti piccoli lumi di candela che dal fondo fluivano verso l’altare. Non nascondo che è stata un’ emozione forte.
E poi l’Acqua che li ha purificati. E infine la Parola: dal seme, piccolo e brutto, al fiore, bello e rigoglioso, come tutte le creature che vengono amate dal Signore. 
Ogni bambino è stato benedetto e la veglia si è conclusa con canti e balli, perché Dio è Padre, è amore, è gioia infinita.  Questo è il messaggio che la celebrazione mi ha lasciato nel cuore.
                                                                                              Cristina
"La Santa Messa di Pasqua vissuta dai bambini"
Candele accese, simbolo di Dio “luce” nel nostro cammino; l’omelia del seme divenuto fiore, perché nella nostra vita deve riflettersi la bellezza di Dio che ci trasforma; l’ostia che si spezza come il sacrificio dell’Agnello che si dona a tutti noi per amore. 
Anche quest’anno Don  Valentino con la semplicità delle parole e dei gesti, è arrivato nei cuori dei più piccoli.
                                                                                                                              Simona
    

 

Visita pastorale dell’arciv. Tommaso Valentinetti dal 17al 21 ott 2012 

La visita pastorale nella Chiesa cattolica è la visita di un vescovo a luoghi e a persone della sua diocesi. Scopo della visita pastorale è quello di ispezione e di correzione di eventuali abusi legati alla fede, di verificarne il giusto cammino ed essere di sprone qualora questa fosse un poco “addormentata”.
Durante la visita il nostro arcivescovo ha incontrato tutta la comunità, a cominciare dal Consiglio Pastorale e successivamente tutti i gruppi.
Iniziata con una celebrazione penitenziale, nei giorni successivi ha incontrato i poveri assistiti dalla Caritas parrocchiale, gli ammalati, visitati nelle loro case, i fedeli che hanno voluto un incontro privato col proprio pastore. Ha celebrato Messa tutti i giorni e distribuito e sminuzzato la Parola con Lectio Divina con brani sulla Fede appositamente scelti per quest’anno a lei dedicato.
Ha incontrato tutti i gruppi, dai bambini agli adulti, dalle famiglie ai separati, divorziati e riaccompagnati.
Alla fine della visita il successore degli Apostoli ha avuto parole di elogio sulla nostra parrocchia proiettata alla nuova Evangelizzazione e ci ha incoraggiati a proseguire su questa strada. Gli adulti hanno apprezzato molto la profondità degli insegnamenti e l’umiltà, il porsi a proprio livello. I ragazzi l’hanno trovato “fichissimo” che dalla loro bocca è proprio un bel complimento!
Ringraziamo il Signore che attraverso mons. Tommaso Valentinetti è passato tra noi.

   
Festa in onore di S. Gabriele dell'Addolorata 13-14-15 luglio 2012

Encomiabile il lavoro dei tantissimi volontari che nonostante il caldo afoso di questi giorni si sono prodigati per la riuscita della festa del nostro patrono e per la sagra ad essa abbinata.
   
Tra le classiche vivande della sagra, si è aggiunta la trippa che ha riscosso un grande successo per la bontà è la novità.
Tra gli artisti che hanno allietato le serate, si sono esibiti due beniamini della parrocchia, Tony Russi cabarettista nato del quartiere e che ha mosso qui i primi passi artistici per poi trasferirsi altrove e il mago Simuan che si è esibito in numerosi numeri di prestigio che hanno divertito molto.
   

 

Un altro numero ha letteralmente trascinato gli spettatori, la “Pizzica salentina”, guidata nel ballo da Ines e dal marito Mimmo per la parte musicale. Il gruppo parrocchiale “Granello di senape” hanno cantato e suonato i vari pezzi.
Il Presidente del comitato Andrea e l'Economo Augusto hanno manifestato la propria soddisfazione per l'ottima riuscita della sagra.
   
La processione della statua di S. Gabriele, accompagnata dalla Banda Musicale, ha sfilato per le vie del quartiere, accolta al suo rientro in chiesa da fuochi pirotecnici.
La celebrazione solenne della Messa è stata presieduta da Don Mario Di Massimo, vocazione nata in questa parrocchia, che è venuto appositamente da Ravenna. Felice di questo invito ha chiesto il sostegno della preghiera per l’oneroso incarico che andrà ad assolvere tra pochi giorni,  diventare parroco della parrocchia più numerosa di Ravenna.
Don Valentino ha ringraziato proprio tutti; quanti si sono prodigati per la riuscita dei riti religiosi e quanti hanno donato il proprio tempo e fatica per la parte civile. (Paolo)
   

 

Inaugurazione Centro Polivalente Mons. Gustavo Britti

Oggi 22 giugno 2012 è una data storica per il quartiere di San Donato e per la Parrocchia di S. Gabriele, sono queste le parole pronunciate dal Sindaco di Pescara Albore Mascia nell’inaugurare il nuovo Centro polivalente intitolato al nostro ex parroco Mons. Gustavo Britti.
Il Sindaco ha anche consegnato ufficialmente le chiavi della struttura al Presidente Piernicola Teodoro presidente della Circoscrizione Porta Nuova e a Don Valentino Iezzi il nostro parroco.
La gestione è quindi affidata all’assessorato alle Politiche sociali e alla Parrocchia che gestisce già il campo-giochi attrezzato e il campo di calcio. E’ questa un’opportunità per far crescere i ragazzi in un ambiente adeguato dal punto di vista formativo e sano.
La cerimonia è iniziata con l’Alzabandiera sulle note dell’Inno d’Italia cantato dal Coro Polifonico della Polizia municipale di Pescara, seguito quindi dal taglio del nastro, del Sindaco con Ada, la sorella di Don Gustavo. Lo spazio potrà essere usato per eventi di aggregazione sociale, per coltivare interessi musicali, artistici e culturali e momenti di incontro e far divertire i bambini secondo un calendario degli eventi gestito dalle Politiche sociali.
La festa d’inaugurazione è proseguita nel pomeriggio con lo spettacolo per i bambini organizzato dall’Associazione Parco dell’Accoglienza e l’esibizione del Coro del Quartiere, per concludere con la rappresentazione del Teatro del Paradosso.           Paolo
                                                                                    
                  
 
  

  Messa all'aperto 21 maggio 2012

Con questa celebrazione si è concluso il mese dedicato a Maria. E' stata una bella esperienza portare Gesù in mezzo alle case, segno della presenza di un Dio che ci ama e vuole il nostro bene. Sua Madre Maria l'ha accompagnato in questo peregrinare.

   

Messa all'aperto 24 maggio 2012

 L'area a verde in via Pietro Nenni ha ospitato la celebrazione odierna che come le precedenti ha visto una forte partecipazione di fedeli.

   

 Messa all'aperto - 17 mag 2012

Il pomeriggio ventoso e freddo non ha impedito a tantissimi fedeli di partecipare a questa seconda messa all'aperto. Il boschetto di via Panaro, è stato la cornice di questa celebrazione.

    

   

Messa all'aperto del 10 maggio 2012
L’esperienza di portare Gesù in mezzo alle case con la celebrazione della Santa Messa, viene ripetuta anche quest’anno. Il mese di Maggio è il mese ideale. Mese dedicato alla Madre di Dio Maria. La natura canta le lodi al Signore insieme ai tanti fedeli.
Il Centro Sociale Gulliver di via S. Donato ha ospitato questa prima messa. La partecipazione è stata numerosa e sentita. 
   

 C’ERA UNA VOLTA UNA MUCCA (Febbraio-Marzo 2012)

Il martedì sera del tempo di Quaresima è dedicato a quattro incontri di crescita umana e spirituale, tenuti da don Valentino, dal simpatico titolo “C’era una volta una mucca”. Attraverso la metafora della mucca che occupa un pezzo di terreno, sottraendolo alla possibilità di essere coltivato e di “portare frutto”, i partecipanti all’incontro hanno modo di riflettere sulle proprie scuse, giustificazioni, paure, false convinzioni e pessimismi, veri e propri atteggiamenti paralizzanti che impediscono di vivere nuove e soddisfacenti opportunità e che limitano la piena espressione di sé e delle proprie potenzialità. Un itinerario fatto di insegnamenti, proiezioni di slide e racconti di aneddoti, finalizzato all’individuazione delle proprie “mucche”, alla conoscenza della loro motivazione e provenienza e alla possibilità di intervenire su di esse per far emergere il meglio di se stessi. I prossimi appuntamenti sono programmati per il 6, 13 e 20 marzo alle ore 21.00.                                                            Serena
     
 
 
Nuovi evangelizzatori per la Nuova Evangelizzazione
 
Sabato 15 ottobre 2011 in 130 persone siamo partiti alla volta di Roma per questo evento e per l’incontrare Papa Benedetto XVI.
Nella nostra parrocchia e nella Diocesi ci sono già nuovi metodi di evangelizzazione, quali le Cellule, Cene Alpha, le Sentinelle del Mattino, la Scuola S. Andrea, ed altre Associazioni e Gruppi. Tutti invitati e presenti a Roma, nell’Aula Paolo VI, insieme ad altri 8.500 evangelizzatori provenienti da tutto il mondo.
 
Dopo il saluto del Presidente S.E. R. Mons. Rino Fisichella, sul palco sono intervenuti.
- Madre Veronica Berzosa, fondatrice e superiora di Iesu Communio -“L’Occidente e le - Scienza e fede: un dialogo fecondo sue domande a Gesù Cristo”
- Vittorio Messori, scrittore
- Marco Bersanelli, scienziato
- S.E.R. Mons. Fabio Suescun Mutis, Vescovo Castrense della Colombia - Esperienze di Nuova Evangelizzazione in America Latina
 
Dopo le relazioni è venuto in aula il Santo Padre che ci ha salutati e spronati a dare tutto noi stessi per far conoscere Cristo e la Sua Parola.
 
Quasi tutto il gruppo è rientrato in serata ma alcuni sono rimasti anche la Domenica per la Celebrazione Eucaristica presieduta da Sua Santità Benedetto XVI nella  Basilica di San Pietro
 
Segue una bella riflessione di Annalisa:
 
“Il weekend che abbiamo trascorso a Roma, incontrando il Santo Padre, mi ha lasciato riscoprire il senso della bellezza dell’essere figli di Dio e la profonda consapevolezza della speranza a cui, come cristiani, siamo chiamati: la bellezza d’avere un Padre che dall’eternità si è preoccupato di venirmi a cercare e la dolcezza di tutte le premure con cui Egli mi ha inseguito; la profonda consapevolezza che l’unico modo per portare Gesù agli altri è quello di custodirlo nel proprio cuore; l’urgenza di collaborare, tutti e con ogni mezzo, pur di ritrovare l’uomo, immagine di Dio.
Allora evangelizzare non è più un concetto astratto o una missione per pochi, ma è la naturale conseguenza del vivere sotto il segno della Croce: magari anche tra tribolazioni, derisioni e sofferenza, ma nella gioia che viene della certezza della Resurrezione e dalla forza dello Spirito Santo.”
 
    
Giornata Mondiale Gioventù – Madrid 16 – 24 agosto 2011
A Madrid, anche la nostra Parrocchia ha partecipato con tanti giovani, provenienti da 190 Paesi, uniti in nome della fede, all’incontro con il Papa Benedetto XVI. L’atmosfera di gioia si vive man mano che si avvicina l’incontro, preparato con catechesi e visite ai luoghi dove giganti della chiesa hanno vissuto: S. Tommaso d’Aquino, S. Ignazio di Loyola, S. Teresa d’Avila.
E’ il giorno di sabato 20 agosto, una giornata lunga, faticosa, dove abbiamo camminato per ore per raggiungere questo aeroporto militare, dal nome Cuatro Vientos, presagio di quanto è poi successo durante l’incontro col Papa. Troviamo l’accesso in una zona più lontana da quella prevista per noi, fuori dalla “grande spianata”, ma anche lì siamo in tanti.
Lo spettacolo è stupendo, i ragazzi colorano il tragitto e la spianata con cappellini, magliette, bandiere. Nonostante il sole picchia sulla distesa e l’afa, circa due milioni di giovani cantano, ballano, ridono. L’arrivo del Papa sul palco stempera la fatica. La sua parola è dolce e accogliente. Non manca neanche la pioggia per mettere alla prova la costanza di questi giovani  che non si lamentano né degli alloggi né del cibo e vivono la loro fede testimoniando la loro amicizia con Gesù a tutti gli altri giovani del mondo che non sono a Madrid.
Sotto la pioggia battente e il vento forte continuano ad alzarsi al cielo gli inni, i canti e gli applausi dei ragazzi. Anche il Papa, provato dal temporale, è deciso a non lasciare il suo posto così come non lo fanno i giovani, nonostante gli inviti dei suoi collaboratori a ripararsi, il Pontefice vuole restare e continua a sorridere, grazie ai canti di incoraggiamento dei giovani.
La pioggia si placa e il Papa prende la parola per ringraziare i ragazzi: “Grazie per la vostra gioia e la vostra resistenza. La vostra festa è stata più forte della pioggia”.
 
ALCUNE IMPRESSIONI DEI NOSTRI RAGAZZI:
 
- Abbiamo fatto esperienza della Chiesa universale. Comunione con i ragazzi di altre parrocchie e conosciuto tante persone di altri paesi del mondo con scambio di bandiere, coperta o cappello che pur non parlando la stessa lingua ci capivamo perfettamente uniti dal fatto che eravamo lì per la stessa Persona: Gesù!
 - Dovevamo stare fuori dalla zona che ci spettava perché dovevamo conoscere proprio quelle persone che abbiamo conosciuto e vivere la grande festa che c’è stata la notte.
- Siamo rimasti colpiti dal Papa che è voluto riuscire e lo abbiamo sentito vicino: “se voi potete stare sotto la pioggia, ci posso stare anch’io”, e dai ragazzi in ginocchio e del silenzio durante l’adorazione, nonostante tutta la fatica del tragitto.
- Mi sono sentita molto male durante il cammino e mi sono resa conto che avevo bisogno dell’aiuto degli altri. Ho capito molto del senso dell’amicizia e ho visto che gli amici c’erano.
- Quando camminavo pregavo Dio di darmi la forza per andare avanti. Ho pensato a quello che Gesù ha sofferto. Dio mi ha confermato che esiste e che mi dà la forza di camminare con gli altri.
- Il pellegrinaggio è paragonato alla vita di tutti i giorni: si possono presentare difficoltà e impreviste e solo il Signore può dare la forza per superarli e solo in lui si può riporre fiducia perché l’uomo ha dei limiti.
- Apprezzare le piccole cose che diamo per scontato: acqua, comodità di un letto, possibilità di lavarsi, un tetto sulla testa. Si entra in simbiosi con la natura nelle avversità.
- E’ servito a riconoscere i propri limiti e ad accettarli. Ha contribuito a dare conforto agli altri.
- Esperienza bella, vissuta nel silenzio, senza mormorazioni. Ho sentito la vicinanza dei parenti lontani preoccupati per la pioggia e che hanno seguito per televisione l’evento; è stato un momento di evangelizzazione anche per loro.
 
RENDIAMO GRAZIE A DIO!

      

 Esercizi Spirituali “Guarigione interiore del cuore” tenuti da don Valentino Iezzi

Medjugorje 17 – 21 luglio 2011
 
La sede scelta per questi Esercizi è stata Medjugorje, luogo privilegiato della Regina della Pace. Il dono della pace interiore viene qui dispensato abbondantemente ma perché avvenga è necessaria l’apertura del cuore. Prendere coscienza dei propri limiti, dei pesi e delle situazioni che ci portiamo dietro è il principio della guarigione e l’aprire il cuore alla Grazia. Ben 80 persone vi hanno partecipato con entusiasmo e con la voglia di non tornare a casa a mani vuote e infatti nessuno vi è tornato. La pace è entrata nei loro cuori.
 
Segue l’esperienza di Ines che ha partecipato al ritiro. 
“Non era la prima volta per me a Medugorje, ci sono stata 2 anni fa con un’altra coppia. La prima volta sono andata con il desiderio di un momento di intimità con Maria e col desiderio di chiederle la "Grazia" di poter vivere la maternità in senso fisico.
In questi due anni quello che desideravo non è accaduto: non ho ancora bambini ... ho avuto altri Doni.
Nel mio percorso di crescita personale sono passata attraverso la fase del "dare il nome" alle esperienze vissute, soprattutto nell'infanzia, alla fase della rabbia per ciò che non è stato come doveva essere, al dolore e alla sofferenza e al bisogno di riconciliazione e di perdono verso me stessa e le persone a me più care.
Ecco spiegato il mio sì al Ritiro a Medjugorje sul Perdono. Capitava proprio nel momento giusto.
Ho pianto molto durante il ritiro, di quelle lacrime che sono segno di "guarigione" delle ferite del cuore, sono state un grande Dono!
Nella Via Crucis ho sperimentato il Perdono attraverso la Parola: a ogni stazione il Signore mi parlava, mi confortava, mi coccolava, mi benediceva!
Attraverso i fratelli che hanno vissuto con me questa esperienza, attraverso i gesti, le condivisioni, ho sperimentato il Perdono attraverso i fratelli. In particolare i fratelli sordi sono stati un grande Dono! Dorina, una sorella sorda, mi abbracciava sempre facendomi sperimentare la tenerezza di un abbraccio materno, accogliente e incondizionato ... che esperienza! Che dono gratuito e meraviglioso!” 

 

Festa popolare di S. Gabriele dell'Add. 8/9/10 luglio 2011

Come previsto si è svolta la festa parrocchiale in onore di S. Gabriele dell’Addolorata. E’ questo il 2° anno a cui si abbina anche una sagra gestita da volontari. Pasta e fagioli, piatto freddo e altre cose buone nel menù. Balli in piazza, noccioline e bancarelle. In quest’aria di festa, la cosa più bella è stata vedere lo spirito di gruppo che si è creato e la voglia di servire il Signore anche in questo modo.